prodotto della cannabis

Cannabis legale ed altre notizie stupefacenti

Vuoi comprare Cannabis legale?

Chi l’avrebbe mai immaginato che un giorno avremmo potuto dire anche noi di avere una marijuana legale? Per molti, quel giorno finalmente è arrivato. Altri forse non se lo sarebbero aspettato ed altri ancora magari non l’avrebbero voluto. Sta di fatto che adesso in Italia un tipo di Cannabis acquistabile legalmente c’è.

Cannabis, droga leggera
Marijuana, derivata della Cannabis

Alla Fiera internazionale della canapa è stata infatti presentata una “canna light”: l’ Eletta Campana.  L’erba in questione avrebbe un contenuto di THC (Delta-9-Tetraidrocannabinolo) inferiore al limite di legge consentito. Mentre fino al 4% di CBD (Cannabidiolo), principio presente nella Cannabis che non ha effetti psicoattivi ma sedativi. Proprio grazie a questo principio si potrebbero trarre dei benefici quali maggior rilassamento, cure contro il mal di testa, i dolori mestruali ed i dolori articolari. Inoltre, è un antiossidante contro le malattie degenerative.

Eletta Campana si può usare come tisana o come tabacco ed è prodotta dall’azienda emiliana EasyJoint che distribuisce una pianta di varietà dioica e la vende in pacchetti come se fosse tabacco.

Legalizzare la Cannabis o no? Questo è il dilemma

Una notizia come questa non può che riaprire le discussioni sull’uso della Cannabis e sulla sua legalizzazione. Ricordiamo che al momento in Italia lo spaccio di droghe leggere è illegale, mentre chi le detiene per uso personale è soggetto a sanzioni amministrative. Invece l’uso medico, per esempio in ambito neurologico, oncologico o come trattamento nella terapia del dolore, è consentito.

Secondo alcuni dati, nel 2014 il 43% della popolazione era favorevole alla legalizzazione mentre nel 2016 è cresciuta fino al 46%. I fattori che più influenzano la scelta positiva sono sicuramente la possibilità di un maggiore controllo della distribuzione da parte dello Stato. Questo comporterebbe una riduzione dei profitti dello spaccio illegale da parte delle mafie. Ma soprattutto, una maggiore tutela nei confronti dei minori, che ora riescono ad acquistare erba quasi fin troppo facilmente.

Curioso ed interessante è stato un servizio delle Iene, andato in onda a febbrario. Non riguardava la situazione italiana ma bensì una realtà spagnola, i Cannabis Social Club. Dei club diffusissimi in tutta la Spagna in cui i consumatori possono consumare Cannabis per uso ludico o terapeutico. Ma solo se in possesso di una carta che li attesta come soci del club. Insomma, un modo per controllare il consumo di Marijuana e soprattutto, per renderlo legale.

Quindi? Apriamo un club e diventiamo tutti soci?

No. Quella  può essere una strada,  ma non significa che tutti debbano sentirsi più propensi al consumo di droghe leggere. Perché ricordiamolo, sono comunque droghe. In ogni caso, tralasciando il punto di vista etico, sentirsi più liberi e sicuri nell’ usare un certo tipo di Cannabis è già qualcosa. E forse renderebbe più responsabili e coscienti sia i consumatori abitudinari che quelli occasionali.

Perché scommetto che di CBD eTHC non siano in molti ad interessarsene. Eppure, sono componenti della Cannabis molto importanti, pur non essendo i soli. E’ proprio per la maggiore presenza di CBD che l’Eletta Campana è, come è stata definita, la “canna light” che si fuma ma non sballa. Strano vero? Solitamente il pensiero comune collegava la Cannabis ad una sostanza euforizzante e dunque con effetti di alterazione delle percezioni sensoriali. Adesso si riesce persino ad ammettere che, pur essendo uno stupefacente psicotropo, essa potrebbe avere delle qualità inaspettate.  Questo, ovviamente, non ne giustifica l’uso ricreativo ma, come in ogni cosa, la scelta sta a voi.

Carola Varano

 

Rispondi