Consigli di lettura per l’estate

I nostri consigli di lettura per l’estate

L’estate è la stagione delle vacanze, delle montagne o del mare, delle scampagnate e dei week-end fuori porta, proprio per questa ragione perciò, abbiamo deciso di proporvi delle letture piuttosto interessanti, tutte accomunate dal viaggio, protagonista assoluto dell’estate.

Il primo libro che consiglio è Sulla Strada di Jack Kerouac.

Questo romanzo si pone come inno della beat generation, dell’America della seconda metà del ‘900. Sullo sfondo di una serie di viaggi attraverso gli Stati Uniti, si snodano le vicende del protagonista, un aspirante scrittore che si troverà a intraprendere un viaggio tra l’introspettivo e il reale. Attraverso svariate avventure in diverse città, bar, locali jazz e camere d’albergo, tra alcool e droga, amicizia e amore, il protagonista si troverà a riflettere sull’esistenza, su se stesso e gli altri.

 

Il secondo romanzo s’intitola Il sogno del drago, di Enrico Brizzi.

 

Questo libro narra l’esperienza del lungo cammino – da Torino a Santiago de Compostela – di Enrico Brizzi, scrittore e pellegrino. Per mezzo di un percorso lungo e rivelatore, attraverso preghiere, riflessioni sull’atto del camminare e sull’essenzialismo, l’autore cercherà di arricchire e infondere nel lettore un particolar modo di vivere.

 

Il terzo romanzo appartiene ai successi di Susanna Tamaro, Illmitz.

 

Il titolo del libro si rifà alla città posta sul confine tra Austria e Ungheria, dove il protagonista viveva con la propria famiglia, prima del trasferimento sul Carso. Il viaggio che il protagonista si trova a dover affrontare è piuttosto travagliato: liberarsi dal senso di inadeguatezza e di tormento, dovuti ad un passato difficile, non sarà semplice, ma necessario.

L’ultimo romanzo è piuttosto toccante, s’intitola Il viaggio con Miss Norma di Timothy Bauerschmidt e Ramie Liddle.

Il libro narra una storia vera, il viaggio di Miss Norma, anziana di novantun anni che, a seguito della morte del marito e della scoperta di avere una grave forma di tumore, decide di consumare i suoi ultimi istanti con la sua famiglia, suo figlio Tim e sua nuora Ramie, scoprendo, on the road, ambienti e città solo immaginate. La storia di Norma è piuttosto singolare: nonostante la terribile sentenza, ella non si lascia intimidire e decide di prendere gli ultimi chicchi del proprio tempo viaggiando e avverando gli ultimi desideri.

Sara Erriu

Rispondi