Essere gay in Italia

Essere gay in una società che antepone la discriminazione all’amore

Vivere in un paese in cui i gay non sono ancora accettati. In un paese che non riconosce i diritti inviolabili, basilari che tutti gli individui dovrebbero possedere fin dalla nascita. Una società che antepone la discriminazione all’amore. Una società che non ti fa scegliere chi essere, chi amare. A voi non fa paura tutto questo? Non vi preoccupa?

Gay Pride riunisce sempre più persone per la rivendicazione dei propri diritti
Milioni e milioni di persone insieme a manifestare per i propri diritti al Gay Pride

I Gay Pride dovrebbero rappresentare una manifestazione per i diritti umani. Ma questo è un circo con scimmie nude che si strusciano!”

Una manifestazione con lo solo scopo di sensibilizzare il tema dell’omosessualità, ma che il più delle volte la rivendicazione di questi diritti passa in secondo piano. Le persone vedono solo le solite checche vestite da donna o da trans. Svestitevi di stereotipi e pregiudizi. Usate il Gay Pride come denuncia sociale. Qualcosa su cui riflettere, rappresentando la realtà. Io l’ho sempre immaginato con una bara arcobaleno, niente musica, solo persone vestite di nero imbavagliate e incatenate. Perché è così che in Italia vivono i gay. Reclusi, emarginati.

Ma non è solo la società che deve cambiare. Anche i gay devono cambiare la loro visione del mondo. Smettere di buttarsi giù. Smettere di farsi assalire dal solito, inutile vittimismo. Bisogna reagire, lottare e combattere per questi diritti. Considerarsi UGUALI, non definirsi diversi e non comportarsi da tali. Frequentare discoteche esclusive per soli gay, è come omologarsi, è come isolarsi dal mondo. E’ dare ragione alla società.

Io non sono gay. Non ho mai dovuto rinnegare me stessa. Non ho mai dovuto nascondermi o vergognarmi. Non ho mai pensato di essere sbagliata e tantomeno strana. Non ho mai avuto problemi. A me hanno sempre accettato. La società mi ha sempre accettato. E se ti nascesse un figlio gay? Lo rinnegheresti? Lo faresti vivere con la consapevolezza che i suoi diritti oltre ad essere negati sarebbero anche calpestati? Dovresti lottare con lui mano nella mano, e insegnargli che non esiste diversità. Dargli la forza necessaria per sconfiggere l’ignoranza, la sicurezza necessaria per essere sé stesso, senza doversi vergognare mai.

Al mondo siamo tutti uguali, neri, bianchi, gialli, verdi, gay, cristiani, musulmani. E ci saranno sempre tante cattiverie, tristezze da parte di persone ignoranti che vogliono convincerti che tu sia strano. Non per questo tu devi farti sconfiggere, arrenderti all’ignoranza. Non bisogna mai dar retta alle persone che parlano tanto di amore senza coglierne il vero significato. Perché l’amore non conosce limiti, non conosce sesso.

Grazia Scano

 

Rispondi