jobs_act_neos_economia

Neos: Il Jobs Act per chi ne capisce

Da Neos al Jobs Act, passando per i Neet

Neos, Jobs Act e Neet. Nella vita di un giornalista arriva sempre il momento di fare i conti con i propri demoni. E quel momento arriva spesso per telefono. Demone per eccellenza: la terminologia tecnica economica, cioè tutte quelle parole super tecniche, rigorosamente in inglese, che il solo pensiero mi rimanda alla figura di Satana in persona intento a forgiare questi termini incomprensibili nella sua officina giù all’inferno. Neanche a pensarci, mi squilla il telefono. Perfetto, adesso ho in agenda un incontro con tre economisti di mestiere che proveranno a spiegare – a me e ad altri come me – cause, effetti e conseguenze del Jobs Act sul mercato del lavoro in Italia.

⇒Per orientarsi meglio

Neos Magazine online internazionale che tratta temi di economia e attualità.
Jobs Act Riforma del diritto del lavoro in Italia, promossa ed attuata in Italia dal governo Renzi, attraverso l’emanazione di diversi provvedimenti legislativi varati tra 2014 ed 2015.
Neet Acronimo inglese di “not (engaged) in education, employment or training“, in italiano indica persone non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione.

Neos_jobs_act


Agendina tattica, scarpe poco eleganti e giacca con le toppe. L’abito non fa il monaco, ma l’outfit fa il giornalista. 


L’incontro è previsto alle 20:30 presso l’Ideificio Torinese, un’associazione culturale in via Pietro Giuria 23/b, praticamente a ridosso del parco del Valentino. Questo Ideificio è uno di quei posti in cui la voglia di mettersi in gioco è palpabile. È uno di quei posti in cui si predilige il dibattito senza tanta retorica formale. Suono al campanello. Ludovica, una studentessa del Politecnico di Torino, mi apre la porta. Tempo di togliermi giacca e cappello e ho già un bicchiere di nebiolo in mano accompagnato da una tartina di patè di olive nere. Difficile chiedere di più in una fredda sera del dicembre torinese.

Comunque gli ospiti non sono ancora arrivati, così do un’occhiata in giro, parlo qua e là e finisco col rimediare il numero di telefono di uno dei fondatori di Neos. Si chiama Alessio e studia economia in Gran Bretagna. In due minuti siamo già amici e la formalità abbandona la telefonata.


Ciao Ale, mi spieghi cos’è Neos?

Neos è un Think magazine composto da studenti e ricercatori universitari da tutta Europa che ha lo scopo di analizzare la situazione politica ed economica contemporanea, fornendo spiegazioni chiare a concetti complessi.

Senti, ma l’idea di analizzare il Jobs Act è dovuta a qualche inclinazione a sinistra o è stata presa in comune accordo per amor di materia (economica)?

La composizione del team è in realta politicamente molto eterogenea: spaziando da destra a sinistra, permette di osservare la realtà a 360 gradi. Ciò che invece è condiviso è il metodo di analisi, che deve essere rigoroso e ben argomentato. Niente opinioni o sparate senza fonti solide in Neos.

Da tale impostazione è derivata l’idea di analizzare i risultati del Jobs Act. Troppe volte in Italia si è parlato del Jobs Act per appartenenza politica piuttosto che per fattuale constatazione dei risultati. Conoscere i reali risultati apportati dalla riforma, con oggettivi pregi e difetti, era a nostro parere un prerequisito fondamentale per poterne discuterne costruttivamente. Stupisce che i media tradizionali non vi abbiano dato troppa importanza, scadendo molte volte nella banale “lotta delle opinioni”, senza alcun controllo della veridicità delle stesse.

“Scienza triste” è l’appellativo più comune per indicare l’economia. Credi che sia possibile ritinteggiarne la facciata in ottica più inclusiva nei confronti di chi non mastica termini tecnici?

Rendere l’economia più comprensibile per tutti non è solo possibile ma necessario. In quanto una popolazione più istruita sul funzionamento dell’economia è anche più capace di comprendere il mondo che la circonda, di non farsi ingannare dai tanti venditori politici di fumo e menzogne. A tal riguardo sarebbe auspicabile l’introduzione nei percorsi scolastici superiori lo studio dell’economia come materia centrale. Non si può essere cittadini del mondo moderno senza conoscere cosa sia un investimento ad alto rischio.

Okay, ma senti qua: secondo te c’è un futuro concreto per i giovani specializzati in Italia? Parlo di laureati e ricercatori.

Anche nel magro contesto italiano i giovani qualificati hanno più opportunità dei loro coetanei. La laurea e lo studio rimangono un elemento di vantaggio competitivo nel mercato del lavoro. Va però ricordato quanto non sia il pezzo di carta di per sé a fare la differenza, quanto le competenze acquisite. Le imprese assumono se sai fare qualcosa, non se hai una laurea in qualcosa.

Ho capito. E quale sarà la prossima uscita di Neos?

Neos è in lavoro per la stesura di un nuovo volume trattante l’intervento pubblico e valutazione delle politiche. E’ un tema del quale in Italia si parla poco, dopo che le politiche vengono fatte, l’interesse scema. Invece è fondamentale costruire una cultura della valutazione a posteriori delle politiche, capire cosa ha funzionato e cosa no, per fare meglio la volta seguente. In Europa vi è un’ampia letteratura al riguardo, noi la porteremo anche in Italia.

Per finire col botto: indicami in tre parole il futuro dell’Italia.

Posso darti tre parole sulle quali si gioca il futuro dell’Italia: imprenditorialità, competitività, coraggio.


Ecco gli economisti

Chiudo la telefonata. La porta d’ingresso si apre e fanno il loro ingresso i tre ospiti. Li guardo sfilare davanti a me e intanto penso che non ho mai visto un professore di economia tanto da vicino. Nell’immaginario collettivo credo gli economisti si avvicinino più a gargoyle di pietra che a esseri umani in carne ed ossa. Stefano Sacchi, Lia Fubini e Fabio Berton – gli ospiti della serata – prendono posto, e noi con loro. Nessuno di loro assomiglia a un gargoyle. 

Dopo una breve introduzione da parte di un componente di Neos, apre le danze il professor Sacchi.

Interno al team di lavoro del Jobs Act, Sacchi fa notare la doppia valenza d’intenti per cui è stata stesa la riforma: il Jobs Act è stato sì strutturato in modo da rilanciare occupazione e a contratto a termine e a contratto a tempo indeterminato, ma soprattutto per incrementare la quasi nulla reputazione (si parla di riforme) dell’Italia in sede europea. La riforma del Jobs Act aveva lo scopo, detto in soldoni, di favorire una maggiore approvazione da parte dei paesi dell’Unione in merito al Quantitative Easing (se non sai cos’è clicca qui) introdotto dal presidente della BCE, Mario Draghi. La riforma del governo Renzi aveva infatti l’obiettivo di allontanare l’idea di una stagnazione esecutiva, in materia di riforme, propriamente tipica del modus operandi all’italiana, battendo di fatto sul tempo Francia e Germania.


«Vendere una riforma strutturale importante per ri-acquisire quella reputazione dell’Italia che era andata a zero intorno al 2011, quando il governo Monti aveva generato molte aspettative in ambito internazionale, poi disattese»


Credit: agi.it

Prende parola Fabio Berton, professore all’Università di Torino. Impossibile non notare un dettaglio molto, troppo pop che fa crollare ogni tipo di stereotipo del caso circa gli economisti: un piercing al sopracciglio. Magnifico.

Berton introduce il distinguo tra la “strutturalità” – passatemi il termine – della riforma Fornero (legge 28 giugno 2012, n. 92. Se non sai cosa prevedeva clicca qui) e la “non totale strutturalità” del Jobs Act, dal momento che la prima interveniva sia sui lavoratori già assunti, sia su chi si immetteva nel mercato del lavoro, mentre il Jobs Act interviene principalmente sui nuovi arrivati. Appurato ciò, Berton passa a trattare l’argomento Precarietà del lavoro analizzando un suo possibile decremento attraverso l’introduzione di forme flessibili di lavoro.


«È vero che avere un’occupazione è meglio rispetto ad essere disoccupati, avendo l’obbiettivo di trovare un contratto di lavoro a tempo indeterminato in seguito. Ma l’ingresso nel mercato del lavoro a qualunque condizione rappresenta un miglioramento (decremento precarietà) solo se l’impresa sfrutta il periodo di prova per conoscere un lavoratore per poi confermarlo. Non costituisce un trampolino di lancio quando si guardano le transizioni tra imprese diverse» 


Adesso tocca a Lia Fubini, professoressa del Collegio Carlo Alberto.

La professoressa Fubini parte subito con la questione “NEET“, in parole povere coloro che un lavoro non ce l’hanno e non lo cercano nemmeno. Ahimè, anzi, ahinoi la medaglia d’oro per la maggior quantità di NEET presenti sul territorio la vince l’Italia a mani basse. Peggio anche di Spagna e Grecia. Tuttavia la Fubini precisa che questa categoria è fortemente avvicinabile ad una concezione più larga del termine disoccupazione. Donne in maternità, alunni appena diplomati fanno tutti parte della minestra un po’ generalista che si indica – un po’ grossolanamente – con il termine “bamboccioni”.


«Le prospettive occupazionali dei giovani aumentano man mano che aumenta il livello di istruzione, ma in Italia chi ha un alto livello di istruzione ha meno possibilità (di trovare lavoro) rispetto negli altri paesi europei. L’istruzione paga, ma meno che altrove»



La conferenza finisce. Tutti si alzano, tutti salutano. Rimango seduto ancora un po’. Penso a quanto sia complesso elaborare ciò che ho ascoltato. Quanto è complesso? Tanto. Due ore di dibattito difficilmente sintetizzabili in una frase, in un titolo da quotidiano, in slogan politici di bassa qualità. Complesso, ma accessibile. Il Jobs Act c’è. Ha funzionato in parte, non ha funzionato in parte. In ogni caso onore a Neos per il lavoro svolto, sintomo inoppugnabile della qualità dei giovani italiani. Perché le argomentazioni e l’analisi vincono. Sempre. Sta alla maturità della popolazione coglierne il significato.

Potete trovare l’intera conferenza su questa pagina facebook.

 Potete scaricare il report di Neos relativo al Jobs Act cliccando qui.

Rispondi