La fine del “caso Pisa”.

Pare finalmente essere arrivata al capolinea l’estenuante ricerca di un acquirente per il Pisa.

 

Giuseppe Corrado, a capo della Ma.Gi.Co Srl, ha rilevato il 100% delle quote azionarie della società in mano alla Carrara Holding ed è ora, a tutti gli effetti, il nuovo presidente dei neroazzurri. Ma ripercorriamo in breve le tappe principali che hanno caratterizzato gli ultimi mesi in casa Pisa.

31 Luglio 2016: presa visione dei disordini societari e dell’impossibilità di preparare la stagione in funzione del raggiungimento della salvezza, Gennaro Gattuso si dimette da allenatore del Pisa. È una scelta comprensibile e pubblicamente sostenuta dai giocatori, i quali non ricevono stipendi da mesi e subiscono in prima persona le conseguenze della negligenza societaria, procurati in gran parte dal presidente Petroni. In un clima così instabile serve un segnale forte, ed il primo a darlo è l’ex centrocampista del Milan, che nel corso della sua carriera non si è mai tirato indietro quando si è trattato di metterci la faccia. Dal canto suo il presidente si sta però muovendo per vendere la società, ed i presupposti fanno pensare che un fondo di investimento di Dubai (Equitativa ndr) rappresentato da un banchiere italo-svizzero sia interessato a rilevarla.

 

Gennaro Gattuso, artefice della promozione in Serie B del Pisa, è stato costretto a dimettersi in luglio per dare un segnale forte alla società.

2 Settembre 2016: Con la trattativa ormai in dirittura d’arrivo e l’imminente uscita di scena di Petroni, Gattuso fa il suo ritorno sulla panchina neroazzurra, salutato da 5000 tifosi al suo primo allenamento. Il perfezionamento per il passaggio di società sembra ormai soltanto una pura formalità e la stagione del Pisa sembra finalmente poter iniziare con la giusta serenità.

15 settembre 2016: L’accordo tra le parti salta definitivamente. Petroni accusa Equitativa di esser stata inadempiente su garanzia e caparra da versare. Inoltre sembra che il fondo arabo abbia richiesto più tempo per poter ottenere una valutazione da parte di un consulente, e che il gesto sia stato interpretato da Petroni come un tentativo di abbassare l’offerta finale, portando il presidente a chiudere i rapporti con Equitativa. La squadra subisce il contraccolpo ma Gattuso è bravo a mantenere il gruppo unito anche nelle difficoltà del momento.

7 Dicembre 2016: La Carrara Holding dichiara di aver accettato l’offerta del gruppo Ma.Gi.Co srl per il rilevamento della società del Pisa. Giuseppe Corrado, imprenditore piemontese a capo della società, è anche uno dei principali artefici della creazione di The Space Cinema, frutto della fusione tra Medusa Multicinema di Mediaset e i cinema Warner.

 

Giuseppe Corrado, dopo aver sfiorato l’acquisizione del Parma nell’estate del 2015, entra ufficialmente nel mondo del calcio.

26 Dicembre 2016: Giuseppe Corrado firma l’accordo con la famiglia Petroni. È ufficiale: il Pisa ha il suo nuovo presidente. Si chiude così un periodo buio ed infelice per la squadra toscana, che può concentrarsi ora sul raggiungimento della salvezza. I tifosi, che in questi mesi non hanno mai fatto mancare il sostegno a Gattuso e ai suoi, possono finalmente esultare.

Alla sua prima intervista da neopresidente, l’imprenditore emiliano ha espresso il suo sollievo per il buon fine della trattativa dopo un lungo e stressante periodo. L’obiettivo stagionale resta la salvezza, ma Corrado ha esplicitamente dichiarato che il suo progetto a medio-lungo termine è la Serie A. Per il primo traguardo Gattuso ha già fatto avere una lista di giocatori da acquistare nel mercato di Gennaio, e il presidente ha promesso farà di tutto per accontentare il suo allenatore. La Serie A, invece, resterà almeno per quest’anno un piacevole miraggio.

Luca Guerri

Rispondi