Arriva il film di Dumbo diretto da Tim Burton

Quando il remake onora l’originale

È ufficiale, i classici non muoiono mai. Anche stavolta il cinema rivela la sua essenza di dimensione atemporale e straordinaria lanciando un progetto che unirà tutte le generazioni in una rete di spettacolarità.
Il 29 marzo 2019, è prevista l’uscita nelle sale di un remake che già prima dell’inizio delle riprese ha suscitato non poco la curiosità del pubblico. Sembra essere questa la magia delle trasposizioni live action dei film più amati di sempre, e ancora meglio se queste si basano sui famosi cartoni della Disney. Stavolta tocca a Dumbo, l’elefantino volante racconterà la sua storia sotto la direzione di Tim Burton.

Proprio sabato, nella Hall D23 dell’Anaheim Convention Center, è stato ufficializzato l’inizio riprese del film. Durante la serata è stato presentato al pubblico trepidante il protagonista del lungometraggio: un modellino meccanico con tanto di occhioni azzurri e orecchie giganti. Il cast di questa produzione è ambizioso quanto il successo che progetta, parliamo di Colin Farrel, Danny De Vito ed Eva GreenL’associazione PETA, che si occupa di protezione animali, ha già ringraziato Tim Burton per aver deciso di rappresentare gli elefanti utilizzando esclusivamente la tecnologia.

In foto: il modellino meccanico del film

Insomma, un futuro roseo si prospetterebbe per questo attesissimo remake  se non fosse per qualche critica costruttiva che circola in rete e non solo. Le obiezioni non si riferirebbero esclusivamente al live action di Dumbo, ma all’idea di trasposizione in se. In altre parole, questa tendenza a ricreare virtualmente i classici Disney più amati non sta piacendo proprio a tutti.
Oggettivamente però non si può non pensare al significato intrinseco di questa tecnica di produzione cinematografica, se così vogliamo chiamarla. L’obbiettivo è quello di regalare alle nuove generazioni le stesse emozioni vissute anni prima da chi aspettava l’uscita del film d’animazione in questione. Si vuole donare un prodotto nuovo, creato sulla base di un vecchio successo, per adattarlo ai gusti di un pubblico diverso, per spingerlo oltre il limite del tempo modernizzando il passato.

Fortunatamente molti artisti e produttori abbracciano questa filosofia di pensiero, per questo motivo sono in programma moltissimi live action come Mulan, Il re leone , Aladino e La Sirenetta.
Creare un remake non significa denigrare l’originale, ma onorarlo. Significa condivisione, adattamento ed emozione.

 

Rispondi