Ricardo Rodriguez e la generazione di terzini 2.0

Il terzino del Wolfsburg è sulla lista della spesa di molti club italiani; la sua clausola da 22,5 milioni non spaventa. Ecco chi è Ricardo Rodriguez

L’epoca dei terzini 2.0

Nel calcio di oggi c’è penuria di terzini vecchio stampo. Sempre più spesso ci imbattiamo in difensori goleador e assistmen che calciano punizioni, rigori o calci d’angolo. Il sistema di gioco è in continua evoluzione e oggi ai laterali bassi si chiede sempre di più una partecipazione attiva alla fase d’attacco, anche a costo di trascurare quella difensiva. Alaba, Marcelo e Jordi Alba sono emblemi del cambiamento in atto a livello europeo. Alex Sandro, Ghoulam e Conti sono per certi versi la risposta della Serie A, adeguatasi velocemente al nuovo dictat. Dictat nato probabilmente a Barcellona, sotto l’era Guardiola. Il catalano è probabilmente il principale responsabile di questo “ribaltamento dei ruoli”; Dani Alves il precursore di questa nuova generazione di terzini d’attacco. Il brasiliano, negli schemi tattici dello stratega Guardiola, ricopriva infatti un ruolo molto più simile all’esterno d’attacco piuttosto che al terzino in gita nella metà campo avversaria.

Un profilo interessante

Anche Ricardo Rodriguez fa parte dei terzini 2.0. Lo svizzero è infatti il designato ai calci piazzati del Wolfsburg – rigori compresi – e libero di intraprendere scorribande offensive. Sortite che spesso terminano con deliziosi palloni messi in mezzo dalla trequarti, per gli inserimenti dei centrocampisti o le torri d’attacco.

Ricardo Rodriguez è un terzino sinistro di nascita, ma per necessità può diventare il quarto di centrocampo o sostenere il ruolo di esterno d’attacco nel tridente offensivo. Nonostante la sua ancor giovane età (classe ’92), Ricardo Rodriguez ha già maturato una discreta esperienza europea sia a livello di club che con la nazionale Svizzera. Il Wolfsburg lo ha lanciato ma verosimilmente non potrà dargli ampie garanzie economiche e soprattutto in termini di risultati. Per questo motivo lo svizzero si sta guardando intorno e ha già dato segnali di voler cambiare aria in estate.

La Serie A nel suo futuro (?)

Un sinistro così educato ha inevitabilmente richiamato all’attenzione diversi club. Il giusto mix di giovane età ed esperienza motivano una spesa da 22.5 milioni di euro, l’ammontare della sua clausola rescissoria con il Wolfsburg. Napoli ed Inter lo seguono con interesse, viste le lacune da colmare il quel ruolo. Ghoulam potrebbe infatti partire a giugno e Ansaldi e Nagatomo non hanno convinto.

Christian Ansaldi, uno dei tanti flop del mercato nerazzurro, ora è fermo per infortunio. L’argentino non ha convinto e potrebbe essere in partenza.

Ma è il Milan che pare essersi mossa per prima, bruciando sul tempo le concorrenti. Mirabelli è alla ricerca di un terzino –  data ormai per scontata la partenza di De Sciglio – e ha virato con decisione sullo svizzero. Con le correzioni difensive che il nostro campionato impone Ricardo Rodriguez sarebbe un gran colpo per il Milan e in generale per la Serie A.

Il calcio è cambiato, e i giocatori devono adeguarsi a tale cambiamento. Dimenticate i centravanti boa e i difensori ruvidi: è iniziata una nuova era. L’alba dei terzini 2.0 è già arrivata.

 

Luca Guerri

Rispondi