La ricetta di Gattuso

Come Gattuso ha aggiustato il Milan

Le novità apportate dall’attuale allenatore rossonero e il confronto con l’ex Montella


L’arrivo di Gattuso ha causato la tanto attesa inversione di rotta in casa Milan. Dopo una partenza decisamente rallentata, il neo-allenatore del Milan pare aver finalmente impostato bene la sua marcia sia a livello di risultati sia a livello di gioco. Il Milan finalmente appare squadra, nonostante i suoi limiti. Ma quali sono i cambiamenti principali apportati da Gattuso, sia a livello mentale sia tecnico-tattico? 

Ritorno definitivo al 4-3-3

Abbandonato da Montella dopo la figuraccia contro la Lazio e mai più riproposto. Abbastanza inspiegabile la fissazione dell’allenatore campano su moduli abbastanza improbabili e difficili per gli stessi giocatori da riprodurre in campo. Gattuso rappresenta il ritorno al basic, quel 4-3-3 che, con interpreti diversi, ha permesso l’anno precedente di raggiungere l’Europa. Facile da interpretare ed il miglior modo per esaltare i le qualità dei suoi giocatori (Suso seconda punta era inguardabile). E Bonucci può giocare nella difesa a 4, tra l’altro lo aveva già fatto diverse volte. Anche in questo caso una specie di blocco mentale di Montella (Bonucci sa giocare solo a 3) non gli ha permesso di risolvere le cose. 

Giocano i migliori

Questo modulo permette di far giocare tutti i migliori. Diverse volte, con Montella, sono rimasti in panchina sia Calhanoglu che Bonaventura. Due giocatori fra i più forti, tecnicamente parlando, dell’intera rosa. Gattuso riporta i tasselli nelle sue posizioni, il turco e Jack vengono schierati regolarmente entrambi e il Milan diventa una squadra molto più imprevedibile e tecnicamente al livello delle prime 5 (i limiti vanno ricercati in altri ambiti). 

Sembrano anche amici

Gioco

Il modello di gioco del Milan non è arzigogolato e passa attraverso pochi e utili concetti. La particolarità del Milan di Gattuso è la possibilità di usare sia i corridoi centrali sia le fasce, dando imprevedibilità alla manovra. Quando si passa per il centro, è spesso Calhanoglu il giocatore più importante, che fa da raccordo fra centrocampo e attacco ponendosi provvisoriamente in una posizione di trequartista. Suso non converge mai verso il centro e rimane in posizione laterale: questo perché lo spagnolo ha già evidenziato dei limiti quando viene spostato dal suo habitat naturale, cioè la fascia. L’importanza di Calhanoglu è stata dimostrata dalla partita di Coppa Italia con la Lazio, in cui nel primo tempo i rossoneri hanno faticato esageratamente nel proporre gioco proprio a causa dell’assenza del turco. Mancava lo scalo, il ponte per raggiungere le punte. Con l’entrata del numero 10 nel secondo tempo, il Milan sale di tono e si rende nettamente più pericoloso. La sua intesa con Bonaventura migliora di partita in partita e consente di attaccare indistintamente per una delle due fasce in maniera ugualmente pericolosa. Non si passa più solo da Suso insomma. 

Adattarsi all’avversario e al momento

La squadra di Gattuso sembra ora possedere una caratteristica fondamentale per “farsi” grande. La gestione del momento e della situazione, il conoscere l’avversario e sapere come comportarsi di conseguenza. Lo si è visto nel duplice scontro con la Lazio, in cui si è passati da momenti di forte aggressività, a momenti di prudenza, a causa del rispetto che va garantito alla terza in classifica. Il Milan è capace di soffrire, grazie soprattutto all’innalzamento del livello delle prestazioni di Bonucci, Romagnoli e Biglia, veri perni della fase difensiva rossonera, che svolgono un ottimo lavoro di crisis management. Un’altra dimostrazione è la partita contro la Spal e la gestione della reazione avversaria successivamente al primo gol di Cutrone. Al tempo stesso, il Milan si rialza subito quando subisce una botta, come fatto ad Udine (nonostante questo non abbia portato al risultato). La squadra che insegna, in questo campo, è la Juventus di Allegri.

Non un muro imperforabile, ma un buon asse di base per dare stabilità all’edificio.

Lavoro sulla condizione fisica

L’ultimo mese del Milan di Gattuso spiega, forse, anche tutte le difficoltà del primo. Probabilmente l’ex centrocampista rossonero si è accorto di come la condizione fisica della squadra fosse carente ed ha disposto dei carichi a metà stagione che inizialmente hanno influito negativamente sulle prestazioni dei suoi, ma che successivamente hanno garantito un risveglio fisico brillante. Ora il Milan corre per 90°, sapendo anche gestirsi fisicamente nei momenti in cui è più utile far correre la palla piuttosto che far correre i giocatori.

Umiltà

“Milan fortunato, il risultato è bugiardo”. Si esprime così Gattuso dopo lo 0-4 contro la Spal, una vittoria che potrebbe considerarsi dannosamente esaltante se vista con gli occhi sbagliati. Il Milan resta una squadra dietro le prime cinque e questo Gattuso lo sa. Non ha la rosa né le alternative né la completezza di Lazio, Roma e Inter (Napoli e Juve non sono nemmeno da citare). Quindi non bisogna porsi obiettivi o sprecare parole di elogio che possano far andare su di giri la squadra. Si tratta di una forma mentis che ha il suo opposto sull’altra sponda del Naviglio, dove Spalletti, nel suo periodo d’oro, non ha frenato le ambizioni dell’Inter neanche sulla parola scudetto.  Una tecnica comunicativa completamente differente. E’ probabilmente ciò di cui necessita il Milan dopo l’esperienza di inizio anno, in cui l’esagerata esaltazione portò a nascondere i tanti limiti che ancora appartenevano a questa squadra.

Fiducia

Non si esalta la squadra e non si pompano le ambizioni, ma Gattuso spesso si espone fortemente sul singolo. Si lancia in paragoni azzardati (l’ultimo fra Cutrone e Inzaghi), che fanno entrare il giocatore in un flusso di pensiero positivo, il quale gli permette di rendere al meglio. E’ una tecnica discutibile, perché può causare la sopravvalutazione del giocatore stesso. Tuttavia, in un clima di completa sfiducia appare come la maniera migliore per risollevare il morale. Ed anche ora, in cui la squadra sembra guarita, questo lavoro psicologico continua a portare i suoi frutti. Molto interessante lo svolga un personaggio come Gattuso, spesso considerato dall’opinione pubblica come il classico calciatore ignorante e poco intelligente, che invece sta dimostrando capacità psicologiche molto interessanti. 

 

Rispondi