San Giovanni 2017: un top o un flop?

Il bilancio della serata di festeggiamenti di San Giovanni 2017.

Un evento molto amato dai torinesi è senza dubbio la festa che si organizza annualmente per celebrare il patrono di Torino, San Giovanni Battista. Due giorni carichi di eventi che culminano con il tanto atteso spettacolo pirotecnico. Una giornata di festa, insomma, che simboleggia l’arrivo dell’estate, e per i più giovani sopratutto, l’inizio delle vacanze. Quest’anno l’evento è stato molto atteso, più del solito, a causa degli avvenimenti degli ultimi giorni.

faro san giovanni
Uno degli eventi che contraddistinguono la festa di San Giovanni. L’esito del farò indica la buona o cattiva sorte dell’anno che verrà.

Occhi puntati sul sindaco

Il motivo di tanta curiosità per i festeggiamenti di quest’anno è dovuto alla preoccupazione dei cittadini. Gli occhi di torinesi e media erano puntati sul sindaco Appendino, la quale è la protagonista assoluta della cronaca, nonchè della satira di questi giorni.

Su Facebook sono spuntate pagine dedicate proprio al sindaco di Torino, nelle quali si trovano meme e vignette riguardanti le ristrettezze che la Appendino ha attuato in città. Sempre sui social, si ironizzava, scommettendo su cosa sarebbe successo questa volta ad un evento di piazza di simile portata.

Il sindaco ha reagito alla strage (perchè di questo si tratta) di Piazza San Carlo del 3 giugno scorso progettando per l’edizione 2017 dei fuochi d’artificio di San Giovanni una blindatissima Piazza Vittorio. Tutti gli ingressi alla piazza sono stati controllati minuziosamente dalla polizia, tanto da suscitare polemiche. Venivano sottoposti a controlli anche residenti della zona e persone che si recavano ai ristoranti.

Viene da chiedersi se queste lamentele non siano state effettuate solo per mantenere la presa di posizione contro il sindaco. In genere ci si lamenta esattamente per il contrario. Comunque, l’evento è filato liscio e la Appendino si è mostrata sui social molto contenta riguardo lo svolgimento della serata. Peccato solo che in Piazza Vittorio si siano presentate la metà delle persone previste. Anche questo, forse, un effetto collaterale dell’impopolarità del sindaco sopratutto tra i giovani.

appendino
Una delle numerose vignette satiriche spuntate su Facebook. In questo caso si fa riferimento a quando il sindaco ha voluto portare la Fiera del libro a Milano. Fonte: pagina “Chiara Appendino proibisce cose”.

Paura di cosa?

All’indomani dello spettacolo pirotecnico ho visto amici di Facebook postare foto della serata con scritte del tipo “siamo qui per sconfiggere la paura“. Questo mi ha fatta riflettere. Non si capisce bene se la paura di cui parlano molti sia dovuta ad un effettivo attacco terrostico o al fatto che in Torino in questi giorni si rischia di essere attaccati dalla polizia. Oppure paura di una cattiva organizzazione, che rischia di non farti tornare a casa sano e salvo. Probabilmente tutte e tre le cose.

Il fatto è che è comunque molto grave aver paura di andar a vedere dei fuochi d’artificio in piazza, nella propria città. Il compito delle istituzioni è proprio quello di far sentire al sicuro i cittadini, ma qui, in un impeto di preoccupazione e voglia di far vedere che la gestione è sotto controllo, la situazione sta prendendo una brutta piega.

Top o flop della serata

La serata è stata un successo per quanta riguarda la sicurezza. Ma questo fa ridere, perchè è un elemento che dovrebbe essere così scontato da non considerarlo nemmeno. Lo spettacolo pirotecnico è stato suggestivo come ogni anno, e chi ha partecipato è rimasto senz’altro soddisfatto.

Ciò che ha reso l’evento un flop è stata proprio la paura, nonchè il sentimento di sfiducia verso alcuni cittadini verso il sindaco. Questi sono elementi pericolosi per la coesione sociale, che sottolineano il bisogno delle istituzioni di riavvicinarsi verso i torinesi. In caso questo non fosse possibile, sono previsti problemi futuri.

Roberta Grimaldi

Rispondi