I Simpson arrivano a Bergamo

In Italia debutta il primo festival dedicato all’animazione

Si conclude oggi il primo festival dedicato all’animazione che ha dipinto le strade di Bergamo con i colori che solo l’arte dell’intrattenimento può trasmettere. Al Bergamo-toons, così è stato intitolato l’evento, presente e passato si sono presi per mano mostrandoci il cuore di un giovane avvenire. Ebbene, non si è trattato di una manifestazione per bambini, né di un parco a tema, non ci sono stati limiti di età e qualcosa ci ha fatto capire che questa iniziativa è riuscita a soddisfare grandi e piccini creando una rete di spettacolo ed emozioni che ha incantato anche chi l’animazione non la ha mai seguita.
Ad attirare l’attenzione del pubblico è stato David Silverman; il film-maker che ha diretto i primi cortometraggi dei Simpson del 1987, il regista si è occupato anche di progetti Disney come Monsters & Co e La strada per El Dorado. Altro protagonista indiscusso di queste giornate è l’animatore Silvia Pompei, un orgoglio tutto italiano che si è guadagnato un posto nella storia del progetto “The Simpson”.
La manifestazione offre al pubblico l’opportunità di seguire incontri, masterclass e workshop per documentarsi ed avvicinarsi al mondo dell’animazione.

In foto: David Silverman

Nell’ex chiesa sconsacrata della Maddalena è stata allestita una mostra a tema dedicata agli amatissimi abitanti di Springfield, inaugurata da Silverman in persona il 23 Giugno. Durante l’evento non sono mancate le proiezioni di alcuni episodi della serie, (la mostra rimarrà aperta fino al 15 Luglio 2017).
Il pezzo forte della manifestazione è senza dubbio il fattore “storia”, non bisogna essere fan dei “personaggi gialli” per informarsi sul loro percorso di realizzazione tra tecnicismi, disegni e progetti grafici mozzafiato.
Nell’aula magna dell’università di Bergamo, alle 10 di questa sera, si terrà  la lectio magistralis di Silverman, il film-maker suonerà poi la tuba con ottimi jazzisti locali, affrontando anche l’impegnativa sigla orchestrale dei Simpson. Altri ospiti attesissimi sono: Jean Thoren, autrice e presidente di Animation Magazine – una delle più importanti riviste e portali web dedicate all’animazione, che tra l’altro festeggia il suo trentesimo anniversario- e Patrick Imbert, regista del lungometraggio The Big Bad Fox and other tales.

Dai primi 100 bozzetti fino all’era del digitale, in un cammino che ha coinvolto i giovani di tutto il mondo, i Simpson non smettono di ironizzare i paradossi di una società moderna e complottista a suon di battute per nulla infantili.

Rispondi