Rivoluzione nel mondo della spesa

Una spesa formato Amazon

L’azienda statunitense domina il mercato



Supermercati ultra rapidi

Sono già le 19, mi devo affrettare ad andare a fare la spesa per arrivare in tempo per la cena, stasera a casa ho ospiti.

Per fare più veloce decido di recarmi presso un punto vendita di Amazon, che da qualche anno si è insidiata stabilmente in tutto il paese. Grazie al suo sistema “cashier-less” cioè letteralmente “senza cassiere”, il tempo medio per fare una spesa è inevitabilmente calato.

Smartphone alla mano mi avvio verso il punto vendita più vicino, apro l’app di Amazon Go, scannerizzo il codice all’entrata, ed eccomi finalmente dentro il supermercato.

Dopo aver varcato i tornelli quasi non si nota la differenza rispetto ai vecchi supermercati, stessi settori, stessi alimenti. I colori arancione e nero, caratteristici del brand, invadono tutto il negozio, dalle pareti agli scaffali. Il ritmo della spesa è scandito da movimentata musica pop e dai “beep” dei tornelli a ogni entrata di un nuovo cliente.

Controllo sul telefono cosa manca in dispensa. Per prima cosa devo prendere la pasta, bene, mi avvio verso il settore e scelgo gli spaghetti. Li infilo nel mio zaino che utilizzo per andare a lezione. Anzi no, forse con i legumi ci stanno meglio delle pennette, rimetto a posto gli spaghetti, prendo le pennette.

Manca anche del pane fresco. Vado verso il reparto panetteria, prendo qualche pagnotta, la imbusto e infilo tutto nello zaino.

La rapida scalata di Amazon

Dal 2023 Amazon Go ha sbaragliato la concorrenza dei supermercati classici, guadagnando dal punto di vista economico ma perdendo altrettanto dal punto di vista umano. Amazon in soli 5 anni è riuscita a predominare nel settore della Grande Distribuzione Organizzata. Questa supremazia è derivata dai minori costi di gestione della tecnologia rispetto al personale umano e dalla percentuale di errori praticamente pari a zero.

Guardandomi intorno osservo come le persone non si guardino più negli occhi, lo sguardo è rivolto solamente al loro Smartphone per controllare il saldo parziale della spesa che stanno effettuando. A dir la verità in questo momento molti occhi mi osservano, ma sono quelli bionici delle oltre 100 telecamere sparse per tutto il negozio che controllano acquisti e movimenti di ogni singolo cliente. Queste telecamere sono direttamente collegate con dei sensori presenti sugli scaffali che rilevano se un cliente prende un articolo, che viene poi aggiunto al saldo parziale e anche se il cliente ci ripensa e lo ripone nello scaffale, scalando il prezzo dal saldo.

Secondo alcune indiscrezioni, Amazon avrebbe già iniziato una sperimentazione di questo tipo anche su altri tipi di punti vendita come librerie, negozi di abbigliamento.

Rinunciare al contatto umano in cambio di tempo?

Siamo veramente disposti per un mero guadagno di tempo a privarci del contatto umano? Il tempo conta più dell’aneddoto di un vecchio o il semplice sorriso di un bambino in coda alla cassa?

Mentre cammino per il reparto dei latticini vedo un’anziana signora che sembra spaesata e cerca invano di prendere un prodotto posizionato in alto, ma intorno a sé le persone si affrettano e non c’è nessuno a cui chiedere aiuto dato che anche il personale è stato abolito. La signora sconfortata dopo qualche tentativo rinuncia e esce dal negozio.

Questa triste visione non sembra distaccarsi molto dalla realtà dal momento che Amazon ha intenzione di espandere il suo business ad altri settori.

Un solo operatore “umano” lavora in questo punto vendita, e si tratta di un omone della sicurezza che si occupa di fermare le persone all’uscita nel caso suoni l’allarme. La sicurezza è garantita a 360 gradi e i furti sono disincentivati in partenza visto il centinaio di telecamere sparse in ogni punto.

Sono già le 19.45. Sono in netto ritardo per la cena. Prendo al volo una porzione di tiramisù e mi avvio verso la cassa per pagare. Ah già, non esiste più. Sorpasso il tornello dell’uscita e mi arriva una notifica sul cellulare. È lo scontrino digitale della spesa.

 

Rispondi