Il Salone del Vizio

Il Salone del Vizio

Decima edizione


 


Torino, Lingotto Fiere, 2038

La coda per entrare alla fiera è lunga ma ne vale la pena. Ogni volta è come se fosse la prima e le aspettative crescono sempre più.  Persone di ogni genere sono in fila ed attendono pazientemente il loro turno. Lo staff controlla minuziosamente il contenuto delle borse dei partecipanti per evitare che accadano incidenti. Io sono tranquilla perché la sicurezza negli ultimi tempi ha fatto passi da gigante e gli attentati sono diminuiti notevolmente. Dopo mezz’ora riesco finalmente ad entrare e rimango come sempre stupita dalla bellezza di questo luogo. L’edificio è colmo di stand che sono stati allestiti per la decima edizione del “Salone del Vizio”. In questi anni è spopolata la moda di “vantarsi” del proprio vizio e di vederlo in modo positivo rispetto al passato. Influencers famosi hanno sostenuto questa tendenza affermando che fosse necessaria per la formazione della personalità e del carattere di ogni individuo. Il risultato è stata l’inaugurazione di questo evento che si tiene ogni anno e attira curiosi da ogni parte del mondo.  

Vizio dello Smartphone

Mi aggiro per gli stand cercando quello del mio Vizio e mi sembra strano pensare che solo qualche anno fa in questi capannoni venivano fatte fiere rinomate come “il Salone del Libro” ed ora sembra tutto così frivolo e superficiale. Sono presenti bancarelle con i Vizi più strani tra cui, con una fila lunghissima di cantanti stonati, quella del Karaoke oppure quella con il Vizio di mangiare troppo cioccolato che, devo ammettere, attira parecchio. Ci sono poi esposizioni di Vizi più pesanti come fumare o giocare d’azzardo che in questo luogo sembrano più una realtà a parte come un Casinò con area fumatori.

Lo stand del mio Vizio si trova verso la fine della fiera perché è tra quelli più gettonati: lo smartphone.  Ammetterlo è stato difficile ma con il passare del tempo non ho più potuto farne a meno. Anni fa quando ho partecipato alla fiera senza essere consapevole di avere un Vizio, sono stata colpita da questa bancarella ed ho legato con molti che, come me, ne soffrono. Ho conosciuto persone che stando qualche ora senza cellulare vengono prese da delle vere e proprie crisi di panico e pur non essendo al loro livello le capisco: trovo sempre in qualsiasi momento qualcosa da cercare sui social e quando poso il cellulare per un attimo mi arriva un messaggio che mi riporta a sbloccarlo. La cosa interessante però è che gli organizzatori di questo evento non vedono i Vizi come una cosa negativa bensì come una delle cose più belle della vita. Sostengono che il Vizio faccia stare bene e che tolga per almeno qualche istante quella sensazione di vuoto che accomuna ogni persona. E’ una parte fondamentale dell’ uomo e che si tratti di gioco d’azzardo, o semplicemente di mangiare troppi dolci fa stare bene.

Soluzione al Vizio

Ho sempre pensato che ci fosse una parte di verità nella propaganda del Salone del Vizio soprattutto perché buona parte di essi permettono alle persone di essere in una comunità che altrimenti non esisterebbe. Il Vizio permette, soprattutto nel mio caso, di rimanere in contatto con il mondo circostante senza un particolare impegno fisico. Cerco però sempre di tenere a mente che se la vita non fosse vincolata da questi “obblighi” in cui ci imprigioniamo da soli, sarebbe probabilmente migliore. Forse molti che si accontentano di vedere i propri sogni realizzati da qualcun altro spegnerebbero il telefono e agirebbero in prima persona. Probabiolmente se chi si vizia mangiando sempre dolci se li cucinasse da sé li apprezzerebbe di più e ne usufruirebbe meno. Forse se qualcuno dicesse agli amanti del Karaoke stonati che potrebbero impiegare le loro energie in qualcosa di più produttivo, ascolterebbero il consiglio.

Mentre ragiono sento squillare il mio telefono, lo prendo e vedo che si tratta di una notifica. In fondo era già qualche ora che non lo utilizzavo e mi torna alla mente che volevo fare delle foto da caricare sui social per immortalare questa giornata. Forse, la soluzione al mio Vizio la troverò, ma non oggi.

Rispondi