L’allegoria ci parla del mondo

L’allegoria ai tempi del relativismo

Nel tempo in cui l’opinione di tutti è valida e tutte le opinioni non lo sono, l’allegoria è bussola di comprensione e barometro di soggettività


Giulio Romano, Allegoria dell’immortalità, XVI secolo d.C.

Cosa significa ragionare per allegoria?

L’allegoria è la rappresentazione di concetti astratti attraverso elementi concreti. Ad esempio animali, esseri mitologici o cose. Anche il linguaggio metaforico presenta la stessa prassi. La differenza tra le due figure retoriche sta nell’interpretazione: mentre la metafora è di natura oggettiva perché convenzionale, l’allegoria, per essere compresa, necessita la conoscenza dell’ideologia di chi la esprime, ed è di conseguenza soggettiva.

Un buon esempio pratico per rintracciare tale differenza può essere l’aspetto fisico. Se presento simbolicamente qualcuno come un leone, si penserà subito alla connotazione fisica e aggressiva dell’animale. Quella è una metafora. Se invece si conosce l’aspetto fisico di quel qualcuno il quale effettivamente possiede una folta capigliatura che rimanda alla criniera del leone, ecco, in quel momento si è colta l’allegoria.

Il linguaggio del non-verbale

Una peculiarità del linguaggio allegorico è il suo frequente utilizzo in chiave rappresentativa di ciò che non è esprimibile. L’esempio più diretto è quello della morte, o meglio, dell’atto di morire. Come si può oggettivare qualcosa di così soggettivo, biologico e sconosciuto? Dunque non rimane che passare attraverso la formula allegorica per riprodurre un concetto tanto astratto quanto empirico.

Jaume Barba, El beso de la muerte. Cimitero di Poblenou, Barcellona.

La morte da sempre affascina e terrorizza la specie umana. Ad essa si collegano tutti i campi artistici, letterari, cinematografici e filosofici. L’essere umano è per sua natura incapace di non ricercare il senso ultimo dell’esistenza. Perché sono qui? Perché non sarò più qui? Quel che faccio durante la vita avrà un riscontro, un senso? Sulla base di tali quesiti si sono sviluppati i politeismi e i monoteismi – antichi e recenti – al fine di plasmare una retorica semantica su ciò che ci è proibito: la conoscenza postuma.

Se si pensa alla rappresentazione allegorica della morte risulta difficile non identificarla nella nera signora coperta da un drappo nero che miete anime con la sua falce. Tuttavia, per quanto espresso nel primo paragrafo, è necessario riconoscere che non per tutti potrebbe avere quel dato significato. Per esempio, l’allegoria della morte per alcuni potrebbe riflettersi sotto forma animale e non antropomorfizzata; per altri potrebbe essere una sensazione empirica come un profumo, un suono o, perché no, una carezza.


L’opinione di tutti è valida e tutte le opinioni non lo sono

A questo punto ci si potrebbe chiedere: se tutto è rappresentabile ma tale rappresentazione – per alcuni concetti – differisce da individuo ad individuo, come è possibile accettare l’oggettività? Com’è possibile individuare ciò che si avvicina maggiormente ai parametri del reale e cosa no?

Per rispondere ad una domanda così complessa è necessario appellarsi al limite. Limite inteso come parametro fondamentale per semplificare il mare di variabili e incognite della nostra esistenza. L’allegoria potrebbe definirsi la buona pietra di paragone in funzione delle tematiche che ci si propone di analizzare.

Ad esempio: in una discussione di carattere politico si può utilizzare la formula allegorica per trattare il contesto ideologico e morale del discorso. In questo modo non solo si contribuirebbe la connotazione soggettiva del nostro personale pensiero, ma si favorirebbe anche l’ampliamento della funzione valoriale e figurativa altrui. Se però si intende affrontare un’argomentazione di diritto, l’allegoria perde la propria utilità dal momento che le basi di tale discussione divengono oggettive, cioè normate da un corpo di leggi istituzionalmente preposto. 


L’allegoria come Calunnia collettiva
Sandro Botticelli, Allegoria della calunnia, 1496

Certo è che in tempi digitali la comprensione reciproca si sta erodendo. Echo chambers, semplificazione eccessiva, fake news, eccesso di informazioni e clickbait sono fenomeni che sicuramente non aiutano l’interrelazione virtuale. Eppure, come Botticelli nel XV secolo, è possibile rintracciare una sorta di scatola allegorica in cui, concettualmente, ogni rappresentazione di pensiero riscontra una propria criticità.

Trolling a parte,ragioniamo per insiemistica: ciò che rappresentano le due figure chine sulle orecchie di Re Mida (destra del quadro) sono l’Ignoranza e il Sospetto, due elementi fortemente connotati sul web. Re Mida stesso, raffigurato nei panni di giudice ingiusto con le orecchie asinine, può essere accostato alle figure moderatrici della dimensione di internet o agli stessi amministratori delle echo chambers, o ancora agli stessi utenti fuorviati da informazioni appositamente manipolate che fanno leva sulle due peculiarità ai lati, ignoranza e sospetto.

Davanti al Re si erge una figura incappucciata che gli tende la mano. Esso è il Rancore, il quale tiene fortemente il polso alla Calunnia, rappresentata come donna portante la fiaccola che non illumina. La fiaccola della finta conoscenza. Il calunniato viene strattonato per i capelli mentre invoca pietà. Altre due figure si aggirano portatrici di consiglio intorno alla Calunnia, sono Insidia e Frode.

Le figure a sinistra rappresentano un’anziana donna velata, il Rimorso, e una giovane donna nuda allegoricamente raffigurante la Veritas. Quest’ultima indica in alto, dimensione ancestrale di giudizio ultraterreno.


Si apra adesso una qualsiasi pagina di Facebook o di un qualsiasi forum online. Si cerchino adesso le analogie al quadro. E adesso provateci ancora a dire che la realtà non può avere come comune denominatore un linguaggio allegorico.

Rispondi