Honduras 1

Cosa sta succedendo in Honduras?

Honduras, una democrazia in crisi

Difficile non porsi domande in seguito alla più che sospetta vittoria di Juan Orlando Hernández


honduras_flag


Di cosa stiamo parlando?

Honduras, 26 novembre 2017. I cittadini si recano alle urne per le elezioni presidenziali. Juan Orlando Hernández, presidente uscente del Partido Nacional, si gioca la leadership del paese con Salvador Nasralla, candidato della coalizione Alianza de oposición de Honduras. Succede che durante il conteggio dei voti – quando il 70% delle schede è già stato scrutinato e Nasralla è in vantaggio di 5 punti – il tribunale elettorale sospende la diffusione dello scrutinio elettorale. Nessuno sa quale candidato vince in quel rimanente 30% di schede. Silenzio. Passato poco tempo, la conta dei voti ricomincia, ma c’è una sorpresa: Hernández è ora in vantaggio. E fino a qui potrebbe trattarsi di un inaspettato colpo di scena, ma enormi punti interrogativi spingono migliaia di honduregni a farsi qualche domanda. Ad esempio pare strano che in dipartimenti scarsamente popolati – gli stessi della regione natia del presidente Hernández –  il tasso di affluenza alle urne risulti molto superiore alla media nazionale.

Honduras


Il caos, le proteste, il coprifuoco e 30 morti

Attenzione, per capire bene in che contesto ci stiamo muovendo è necessario avere qualche dato alla mano. L’Honduras, secondo il rapporto ONU pubblicato sui dati del 2012, sarebbe il posto più pericoloso del mondo. Ovviamente si parla di omicidi “normali”, cioè non collegati a fatti di guerra. Lo studio condotto dall’ONU presenta infatti una percentuale di omicidi vertiginosa: 90,4 omicidi ogni 100mila abitanti, praticamente uno ogni mille persone. 

Ma torniamo alle ultime settimane del 2017. Hernández, riconosciuta la presidenza, impone il coprifuoco dalle 18 alle 6 per evitare l’ondata di moti riottosi che hanno invaso le strade delle principali città dell’Honduras.

Honduras 3

Che cosa ci si aspetterebbe da un coprifuoco? In particolar modo dalle forze dell’ordine? Sicuramente il non-utilizzo di armi mortali, quali proiettili veri, ad esempio. È il triste caso di Kimberly Dayana Fonseca, prima vittima del coprifuoco. Come riportato prima su El Faro da Carlos Dada, poi su Internazionale n. 1234, la diciannovenne honduregna è stata uccisa la notte del 1 dicembre 2017 con un colpo alla testa esploso da un agente della polizia militare. Lo stato è fuori controllo. È ovvio che in un paese come l’Honduras dove il tasso di criminalità è molto elevato, ci vuole poco a far diventare la scintilla incendio. E infatti, lo stesso 1 dicembre 2017, mentre mentre i manifestanti protestano per le strade e nelle piazze, la caserma di polizia del centro della capitale ha già una cinquantina di detenuti accusati di saccheggio. Fioccano dunque i reati, fioccano dunque le accuse al governo di Hernández di aver strumentalizzato il caos per istituire la militarizzazione dello stato.

Ad oggi, Amnesty International denuncia 30 civili morti e centinaia di feriti in seguito agli scontri urbani.


Ma l’Oas, gli Stati Uniti e la Comunità Internazionale cosa dicono?

A quanto pare il destino dell’Hoduras non interessa granché al di fuori dei suoi confini. La comunità internazionale fa finta di non vedere. L’Oas (Organizzazione degli stati americani) rimane mite sull’argomento. Curioso, molto curioso come la stessa Oas, così dura nel condannare la repressione attuata da Maduro nel vicino Venezuela, faccia spallucce a fronte di un fatto se non analogo, molto simile.

Honduras 4

Interessante la coincidenza temporale con cui arriva il riconoscimento del governo Hernández da parte degli Stati Uniti. Ancora meno di 24 ore prima del riconoscimento ufficiale degli States, lo stesso Hernández aveva votato contro la risoluzione Onu che rifiuta la decisione degli Usa di riconoscere Gerusalemme come capitale d’Israele.

Quanto forte dovranno gridare gli honduregni prima che siano loro riconosciuti i diritti democratici per i quali stanno lottando?

Rispondi